Bambini dimenticati in auto: consigli e abitudini da condividere

bigstock-months-old-baby-boy-in-a-saf-18983504-e1557909009597.jpg

7 months old baby boy in a safety car seat. Safety and security

Il fenomeno dei bambini dimenticati in auto è diventato un’emergenza internazionale, come analizzato in un articolo di Repubblica di qualche mese fa: in tutto il mondo si registrano casi simili e l’Italia, purtroppo, non fa eccezione.

Ogni genitore pensa che questo tipo di incidente non potrà mai capitargli, molti sono pronti ad additare i protagonisti di questi incidenti come genitori irresponsabili, eppure molti esperti sostengono che la causa della dimenticanza è quasi sempre frutto di una sorta di blackout, un cortocircuito della mente che può accadere anche ai genitori più amorevoli e super-organizzati, e di qualsiasi ceto sociale.

«La memoria non è infallibile» – come dichiarato dal dottor Vincenzo Villari, primario della psichiatria della Città della Salute di Torino, in una intervista al quotidiano La Stampa «E’ come se s’inserisse il pilota automatico: ci sono azioni che ripetiamo tutti i giorni, allo stesso modo, ma basta anche solo un piccolo dettaglio che fa perdere il filo e ti fa dimenticare anche quello che hai di più caro al mondo».

Per questo motivo è importante che chiunque trasporti dei bambini prenda coscienza di essere potenzialmente a rischio, come ogni essere umano. E si comporti di conseguenza, adottando ogni accorgimento utile a scongiurare questo tipo di incidente e condividendoli con amici e parenti. Un piccolo sforzo di umiltà che può salvare la vita alla persona più cara al mondo. Di seguito ne abbiamo raccolti sette:

  1. METTI I TUOI OGGETTI PERSONALI ACCANTO AL BIMBO
    Quando trasporti un bambino sul sedile posteriore, lascia dietro i tuoi oggetti personali (borsa, telefono, portafogli, ecc), riposti sul sedile accanto al seggiolino del bimbo.
  2. METTI GLI OGGETTI DEL BAMBINO ACCANTO A TE
    Allo stesso modo, appoggia sul sedile anteriore accanto a te gli oggetti del bambino (pannolini, borse, ciuccio, biberon, ecc.).
  3. ATTIVA DEI PROMEMORIA DELLE TAPPE
    Se accompagni il bimbo all’asilo, imposta un promemoria giornaliero sul cellulare con un avviso in corrispondenza dell’orario di arrivo, in modo da poter segnare se lo hai portato o meno a destinazione. Puoi utilizzare sveglie o calendari del tuo smartphone, ma esistono anche apposite app sui vari store, di cui molte gratuite.
  4. COMUNICA A QUALCUNO GLI IMPREVISTI CAMBI DI ROUTINE
    Può capitare che la routine quotidiana venga spezzata da un piccolo imprevisto. Ogni volta che ciò si verifica, comunicalo subito alla persona a te più vicina (marito, moglie, nonni, ecc). In questo modo aprirai un canale di comunicazione che ti accompagnerà durante le varie tappe del tuo viaggio.
  5. DAI ISTRUZIONI ALLE PERSONE CUI DEVI LASCIARE IN CUSTODIA IL BAMBINO
    Se viaggi per lasciare in custodia il bambino a qualcuno, chiedi alle persone a cui devi affidarlo (maestre, babysitter, nonni, ecc.) di chiamarti se il bimbo non è stato accompagnato come al solito all’orario stabilito.
  6. TIENI LE PORTIERE DELL’AUTO CHIUSE QUANDO NON C’E’ NESSUNO
    Può capitare anche che un bimbo piccolo salga in auto quando non deve, senza essere visto. Per questo motivo, quando in auto non c’è nessuno, chiudi portiere e bagagliaio e tieni le chiavi fuori dalla portata dei bambini, specie se tieni l’auto in un luogo facilmente accessibile (cortile o garage).
  7. VALUTA L’ACQUISTO DI APPOSITI DISPOSITIVI ANTI-ABBANDONO
    Il mercato sta sfornando sempre più prodotti pensati per ridurre o azzerare i rischi di abbandono. Ce ne sono di diversi tipi, dai più semplici ai più tecnologici, per tutte le tasche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top